teatrolmetto


Vai ai contenuti

Base Filodrammatica Minore

Storia della Compagnie



In una sua nota Luigi Castoldi racconta come nasce la sua attivita' teatrale:
" Ad ogni incontro con la Sig. Callegaris venivo invitato sempre piu' caldamente a riportare il teatro tra le attivita' parrocchiali ed il Padre Monaco, dal canto suo, mi spingeva a collaborare in parrocchia.
Giunsi cosi alla decisione di partecipare alla vita della parrocchia di S. Alessandro.
Appena ebbi comunicato la mia disponibilita', la Callegaris mi presento' al Parroco, Padre Stefani, che si dimostro entusiasta di tale iniziativa e mi mise in contatto con l'assistente dell'oratorio maschile, Padre Villa, il quale, anche se con meno entusiasmo mi disse: "Proviamo, sarebbe bello...."
Mi misi quindi all'opera cercando tra i ragazzi quelli interessati al teatro."
Tra i primi si fecero avanti Sergio e Walter Conti, i fratelli Ravani e subito dopo Antonio Pozzi ed molti altri ancora che sarebbe lungo elencare.
Contemporaneamente all'istruzione dei ragazzi fu necessario dedicarsi con notevole impegno al ripristino del teatrino di via Zebedia n. 2, che durante il periodo bellico era stato abbandonato.
Riuscimmo a mettere in scena una fiaba per ragazzi intitolata "Cecco tra gli indiani" e contemporaneamente "Il bambino sconosciuto" di Diego Fabbri.
Fu poi la volta di "Barricate", un dramma storico ambientato durante le cinque giornate di Milano, e di "Visione tra le fiamme" che faceva rivivere la conversione al cattolicesimo di un bambino ebreo.
Ogni ricorrenza era pretesto per allestire qualche spettacolo; ad esempio il 30 di sacerdozio di Padre Gatti, il 25 di Padre Monaco, L'onomastico di Padre Stefani ecc.
Continuavano le adesioni all'attivita' teatrale e nacque la "Base Filodrammatica Minore" composta dai seguenti settori:
- gruppo piccoli (maschile e femminile),
- gruppo giovani femminile,
- gruppo musicale misto,
- gruppo di adulti che si dedicava alla prosa.
I gruppi femminili, in particolare, erano seguiti dalla Sig.ra Mariani.
Si allestirono, sempre organizzati per conto delle Donne Cattoliche, vari spettacoli per beneficenza, trattenimenti nel Cortile degli Arcimboldi con annessa pesca di beneficenza. "


Torna ai contenuti | Torna al menu